www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaWalter Ignazio Preitano

Queta poesia mi è stata suggerita dall’impatto con l’Istituto Neurolesi di Messina.
 

Fozza cumpagni

Aiùtiti chi Diu t’aiùta

 

Nebrodi

 

Cumpagni ‘nta ‘sta sorti dispittùsa,

cumpagni ch’arrancàti comu a mia

‘nta ‘sta trazzèra china di puttùsa,

unni la scenza nni fa cumpagnìa;

 

pi nui è strada nova, fora via,

ma è signàta ‘nte carti di la luna;

c’è scrittu, senza tanta puisìa:

“l’accèssu è riservàtu a la sfurtùna!”.

 

Scalàmu ‘sta muntàgna mistiriùsa

picchì n’attòcca fari pinitènza;

dintra a la trùscia non purtàmu spisa

ma un càrricu pisànti di spirànza.

 

Ciccàmu l’umbra pi nni ripusàri,

ma quannu l’umbra arrìva, ripigghiàmu,

ch’avèmu troppa prèscia d’arrivàri:

ma unni, comu e quannu, non sapèmu.

 

Ma supra di ‘dda cima chi vidèmu,

‘a sorti nostra fossi si pintìu,

e chiànci, e aspètta a nui chi la scuntràmu

pi nni turnàri quantu nni pigghiàu.

 

Fozza cumpàgni, senza bannunàri;

spincèmu forti supra a ‘sti bastùni,

chi lu distìnu nostru è di ‘nchianàri,

picchì d’arrèti è tuttu sdurrupùni.

 

E quannu ‘u  ventu frisca e tira forti,

quannu ti strunca ‘i iammi la stanchìzza,

ricòrditi cumpagnu chi la sorti

nni teni cuntu di la tô prudìzza!

 


Forza comapgni

aiutati che Dio ti aiuta

 

Nebrodi

 

Compagni in questa sorte dispettosa, compagni che arrancate come me in questo viottolo pieno di buchi, dove la scienza ci fa compagnia; per noi è strada nuova, fuori della via maestra, tuttavia è segnata nelle carte degli astri; c’è scritto, senza mezzi termini: “L’accesso è riservato alla sfortuna!”.

Scaliamo questa montagna misteriosa, perchè ci tocca fare penitenza; nel nostro fagottino non portiamo la colazione, ma un pesante carico di speranza.

Cerchiamo l’ombra per riposarci, ma quando l’ombra arriva riprendiamo il nostro cammino, perchè abbiamo fretta d'arrivare: ma dove, come e quando, non sappiamo.

Ma su quella cima che scorgiamo, la sorte nostra forse si è pentita, e piange, e aspetta che la incontriamo per restituirci ciò che ci ha  tolto.

Forza compagni, non abbandoniamo! Spingiamo forte su questi bastoni, poichè il nostro destino è di salire, perchè se ci lasciamo andare rischiamo di precipitare.

E quando il vento fischia e tira forte, quando la stanchezza ti stronca le gambe, ricordati, compagno, che la sorte tiene in buon conto i tuoi sacrifici (dai una mano al tuo destino).

 

 

Walter  Ignazio Preitano

 

Sommario Altri Amici

www.colapisci.it