www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaWalter Ignazio Preitano

Le Barette

 

Ogni anno, in occasione della santa Pasqua, per le vie di Messina sfilano le “Barette”. Si tratta di piccoli carri sui quali è rappresentata l’intera Via Crucis. I messinesi vi assistono in massa e si stringono in preghiera.
E, come sempre accade, ognuno si lascia andare alle sue considerazioni, più o meno mistiche.

Io ho cercato di immaginare un ipotetico dialogo tra due popolane comari.

 

 

‘I VARÈTTI

 

 

-Tu vadda chi fatìca ‘ddu nuccènti!

‘Dda cruci pisa cchiù di dû cantàra.

Non àppiru cuscènza ‘ddi fitènti!

Ma c’è cû vitti, e ‘i spetta all’acqua chiàra-.

 

-Non dicìti così, cummàri Tina;

s’iddu vulìa vinnìtta stati cetta

non si mmuttàva ‘a cruci supra â  schina.

Auddà ch’arrìva ‘a prossima varètta-.

 

-‘A ‘dduluràta! Chi facci  madunnèdda!

Cchiù tempu passa e cchiù si fa mischìna!

Ma l’annu scossu mi parìa cchiù bedda:

saràvi ‘stu sciròccu ch’a scummìna-.

 

-Puru pi idda ‘u tempu si trascina!

Sammàtti st’annu non vulìa sfilàri,

ma si muddàu pi vìdiri ‘a ruvìna

d‘a vostra facci, pi ssi cunzulàri-.

 

 

 

 

Walter Ignazio Preitano

 

 

varètti: i messinesi chiamano così le barette.

cantàra: quintali.

all’acqua chiàra: in paradiso, laddove gli uomini diventano trasparenti e mettono a nudo la loro anima.

vinnìtta: vendetta.

mmuttàva: caricava, trasportava.

auddà: ecco.

scummìna: scombina.

si trascina: passa lento e inesorabile.

sammàtti: magari, può darsi.

si muddàu: si è lanciata.

Da Progetto Dialetto

 

Sommario Altri Amici

www.colapisci.it