www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessitą o per sceltaWalter Ignazio Preitano
 

La rocca di Scilla

 

La rocca di Scilla

 

A Scilla ci mmiddąru

sei peti e quattru testi,

tri filarąti ī denti

chi non lassąunu resti.

Avģa ‘ttaccąti ź cianchi,

ringhiłsi e ‘nferucģti,

tistązzi ī cani iąnchi

e cudi ī taddarģti.

O Matri ‘Ddulurąta!

Ci vosi fantasģa

pi fari ī ‘dda criąta

‘na vera fitinzģa!

E ci niscčru ‘a ‘nciłria,

dopu ch’a stracanciąru,

chi si ‘mmuccąva vivu

quassģasi  marinąru.

Ma dopu s’a pinząru,

chģ ci nni passi forti,

e in rocca ‘a trasfommąru:

ma non finčru ‘i morti.

 

 

 

Walter Ignazio Preitano

 

 

ci mmiddąru: letteralmente significa le hanno attaccato, ma in questo caso vuol dire: l’hanno immaginata cosģ.

filarąti: file.

chi non lassąunu resti: talmente fitti che non permettevano al cibo di sfuggire.

cudi ī taddarģti: code di pipistrello.

criąta: fanciulla.

fitinzģa: porcheria, schifezza, una cosa sgradevole alla vista.

‘nciuria: ingiuria, ma pił propriamente calunnia.

stracanciąru: stravolta nelle sue fattezze.

‘mmuccąva: mangiare con voracitą, divorare.

chģ ci nni passi forti: perché forse ritennero la punizione troppo esagerata.

Da Progetto Dialetto 

 

Sommario Altri Amici

www.colapisci.it