www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaWalter Ignazio Preitano
 

I gorghi di Carìddi

 

I gorghi dello stretto (muntanti)

 

Ma puru di ‘sta menza

pi fari ‘i cosi onesti,

Omeru n’arrifìla

un mostru cu tri testi.

O quattru? O dui? O una?

Chi differenza fa?

Intantu un bellu mostru

l’avèmu puru ccà.

Però non sempri mostru

voddìri bruttu assài,

e ‘stu Cariddi nostru

chi iò vi muntuài,

era ‘na fìgghia bedda

chi stava in funnu ô mari,

chi pi ‘na fami strèusa

non si putìa ‘ddubbàri.

Idda sucàva l’acqua

cu chiddu chi nnatàva,

‘nghiuttìa la parti tènnira

e ‘u restu û vomitàva.

Cull’onni chi facìa

pi ‘dd’acqua chi mannàva

‘u mari si turcìa

e ‘i navi î scumminàva.

Idda pigghiàva ciàtu

picchì non si ‘ddubbàva

facìa ‘nu mulinèddu

e dopu risucàva.

Capìti chi tarìgghia

ci’avìa cunzàtu Omeru

a ‘ddu nuccènti grecu

valenti condottièru?

 

 

 

Da Progetto Dialetto 

Walter Ignazio Preitano

 

 

 

n’arrifìla: ci rifila, ci assegna.

vi muntuài: ho menzionato, di cui vi ho parlato.

strèusa: strana.

‘ddubbàri: saziare.

sucava: succhiava, risucchiava.

cu chiddu chi ‘nnatàva: con tutto ciò che ci nuotava dentro.

tènnira: tenera, morbida, commestibile.

onni: onde.

si turcìa: si torceva, si sconvolgeva.

‘i scumminàva: le scombinava, le distruggeva.

‘nu mulinèddu: un mulinello, un vortice, per cui l’acqua viene risucchiata verso il centro come in un imbuto. E assieme all’acqua, anche tutto ciò che vi si trova dentro.

tarìgghia: inganno, scherzo di cattivo gusto.

nuccenti: innocente.

cunzàtu: preparato, apparecchiato.

 

Sommario Altri Amici

www.colapisci.it