www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaWalter Ignazio Preitano
 

Dina e Clarenza

Dina e Clarenza, due giovani e coraggiose donne messinesi, durante il loro turno di pattugliamento sul colle della Caperrina (oggi Montalto), si accorsero che i soldati  francesi di Carlo d’Angiò erano entrati in città. Era notte fonda e gli uomini dormivano stanchi per le recenti battaglie sostenute. Ed allora le donne ebbero la brillante idea di svegliare la città suonando le campane e urlando.

Era il 1282

 

Dina e Clarenza - Campanile del Duomo di Messina

 

- E’ scuru supra ô striiiiiiiiittuuuu!

Currìti missinìsi

n’allàppunu ‘i francìiiiisi.

 

A tutta a nostra geeeeeeeentiiiii!

All’armi, non dummìti

s’a ‘sta città tinìiiiiti.

 

Sabbàmula ‘sta teeeeeeerraaaaa!

Puru si siti stanchi

rumpìticci li ciàaaaanchi.

 

Sintìti  ‘sti campàaaaaaaaaniiiii!

P’a glòria d’u Signùri,

mittìticci l’ardùuuuuri-. 

 

Alàimu ch’avìa

‘u sonnu cchiù liggèru

‘nta chiàzza immantinènti

si prisintàu altèru;

isàu la spada ô celu

e a chiddi ch’arrivàru

ci desi ‘na ‘nquatràta

così si ruspigghiàru:

- Cumpagni e cittadìni

di ‘sta Missìna d’oru,

nni chiàmunu alla glòria

supra d’u campanàru;

‘sti fìmmini sû forti,

valenti e curaggiùsi:

currèmu amìci e intrèpidi

cacciàmu a ‘sti francìsi-.

E l’angiuìni n’àppiru

lignàti supra ‘a schina

chi bannunàru trèmuli

‘a terra di Missìna.

E ancora a tempu d’oggi,

‘sta  Dina e ‘sta Clarenza,

ci sònunu la sbìgghia

a la cittadinanza.

 

Walter Ignazio Preitano

 

n’allàppunu: ci sono addosso, ci assaltano.

Alàimu: il “Capitano del popolo” di Messina.

ci desi ‘na ‘nquatràta: li organizzò e li incitò.

angiuìni: i soldati francesi di Carlo d’Angiò.

trèmuli: impauriti.

‘a sbìgghia: la sveglia.
Da Progetto Dialetto

 

Sommario Altri Amici

www.colapisci.it