www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaWalter Ignazio Preitano
 

I CAMICIÒTTI

Durante la rivolta del 1848 ci fu  il sacrificio di alcuni giovani patrioti, detti “Camiciotti” a causa della strana divisa che indossavano. Assaliti da ingenti forze svizzere, resistettero all’attacco all’interno del Monastero della Maddalena, fino alla fine delle munizioni.
Poi,  gli ultimi rimasti in vita, piuttosto che arrendersi  preferirono morire gettandosi in un profondo pozzo.

 

 

Eroi d’a nostra stòria!

‘Ddi picciuttèddi ardìti

passàru a la memòria

pi chiddu chi sapìti.

 

‘Nta ‘ddu cunventu antìcu

si fìciru millànti

contra di ‘nu nnimìcu

armàtu finu ê denti.

 

O matri binidìtti!

O matri scunzulàti!

Futtùna a cû non vitti

‘ddi corpi lazzariàti.

 

Eroi d’a nostra stòria!

‘Ddi quattru ch’arristàru

pi non ci dari glòria

‘nto puzzu si muddàru.

 

Oggi ‘na tagga scritta

senza spiegàri nenti

ricodda ‘dda minnìtta:

ma nuddu sapi nenti!

 

 

Da Progetto Dialetto

Walter Ignazio Preitano

 

 

pi chiddu chi sapìti: per ciò che vi ho appena detto.

millànti: mille. Combatterono con la forza di mille uomini.

lazzariati: mal ridotti.

pi non ci dari glòria: per non dare ai soldati svizzeri la soddisfazione di prenderli prigionieri.

si muddàru: si gettarono.

minnìtta: disastro, sfacelo.

oggi….: c’è una via intitolata ai valorosi Camiciòtti, ma la targa non spiega niente e solo pochi ne conoscono la storia.

 

Sommario Altri Amici

 

www.colapisci.it