Nettuno o Colapesce?

La storia di lu Gialanti Pisci

SirenaUn tempu, di ccà di lu Faru passavanu li gran bastimenti, e cc’era un bellu cantu ’nt’o mari; era tantu bellu, ca li marinara si ’ddrummintavanu: ed eranu ddui Sireni ca facevanu stu cantu, una si chiamava Sciglia l’autra si chiamava Carilla. Ccussì li bastimenti si prufunnavanu tutti.

Ora cc’era un Gialanti, ca misi ’na scummissa cu ’i Calabrisi, di pigghiari a sti Sireni. Stu Gialanti era unu suggettu bruttu, e sapia natari comu un pisci: e iddu m’appi l’abbilità di pigghialli.

E chi fa? Si fici mentiri ’na campana a testa, si pigghiau un pocu di pani, un pocu di furmaggiu, ca non sapia quantu tempu avia a stari ’n funnu; e mi si jetta a mari. Cc’era ’na corda cu ’na campana fora di l’acqua: quannu tirava ’a Corda e ’a campana sunava, vo’ diri ch’era vivu; quannu non sunava, vo’ diri ch’ era mortu.

Eccu chi cala ’n funnu e ’ccuminzau a ’ncatinari ’a prima Sirena, ch’era la cchiù bella, ed era Sciglia. La secunna circava di faricci mali, ma iddu appi la manera m’ ’a ’ncatina p’ ’u coddu e p’ ’i mani ’, e ’ccussi Carilla non si potti cchiù moviri. Li ’nchianau supra, e comu li ’nchianau ciancivanu, pirchì non vulevanu essiri ’ncatinati. Quannu foru supra, pigghiau e cci li cunsignau a li genti.

Sti ddu’ Sireni foru ’mmarsamati propriamenti comu iddi nisceru d’ ’u mari.

Fu tantu la valintizza di stu Gialanti ca li Missinisi cci ficiru la statua, e cci la ficiru tantu a iddu quantu e Sireni. Finuta la statua, si misi cu ’a mani arredi ’, e dissi:
"Miei cari Missinisi, Tiegnu ’n culu e Calabrisi"
; pirchì li Calabrisi non si putievinu cridiri chi iddu arrivava a pigghiari a sti Sireni.
Li Riggitani nni foru tantu cuntenti di sta suggizioni chi cci livau stu Gialanti cu pigghiari a sti Sireni, chi cci desiru un dunu, comu dicissimu na rennita.

Ddoppu chi cci ficiru la statua, stu Gialanti campau ’n’ atra pocu d’anni e muriu; ma muriu figghiolu, e muriu pi forza di summuzzari, ca summuzzava di cca o Faru’, d’ ’u Faru ’n Calabria, jennu sempri sutta mari.

Messina.


La storia del Gigante pesce

Un tempo, dalle parti del Faro, passavano grandi bastimenti e nel mare vi era un bellissimo canto, talmente bello che i marinai si addormentavano: era il canto di due Sirene; una si chiamva Scilla  e l'altra Cariddi. In questo modo le navi affondavano tutte.

Ora, c'era un gigante che fece una scommessa con i Calabresi che sarebbe riuscito a prendere le due sirene.
Questo gigante era un soggetto brutto e sapeva nuotare come un pesce ed ebbe l'abilità di catturare le sirene.
Per catturarle si fece mettere una campana in testa e si fece dare del pane e del formaggio, in quanto non sapeva quanto sarebbe rimasto sott'acqua, e si gettò in mare. Una corda, collegata ad una campana fuori dell'acqua, era a portata di mani del gigante, in modo che potesse avvertire che era vivo tirandola e facendo suonare la campana.

Incontrata Scilla, la sirena più bella, con una manovra veloce la incatenò; poi  incatenò per il collo e le mani Cariddi, in modo che non si potesse più muovere.  Quindi le portò piangenti in superficie, consegnandole ai messinesi,  immobili così come uscirono dal mare.

La bravura del gigante fu talmente grande che i messinesi vollero fare una statua sia a lui sia alle due sirena. 
Quando la statua fu finita, il gigante mise le mani sul fondo schiena e disse:
- Miei cari messinesi do' il culo ai calabresi

La statua di Nettuno (fontana del Montorsoli), originariamente rivolta con le spalle ai calabresi

Seppur sbeffeggiati, i reggini furono ugualmente contenti che il gigante avesse sconfitto le sirene, tanto che decisero di dargli in dono una specie di rendita.


Dopo la costruzione della statua, il gigante visse ancora un pò, morendo, ancora, molto giovane, a causa del suo continuo sommozzarsi dalla Sicilia alla Calabria
.

Messina


Considerazioni

pescatori - 1954Nel racconto è chiaro il riferimento alla maga Circe e alle Sirene, mentre lu  Gilante non è Grifone, il mitico gigante nero di Messina, ma Nettuno.
La statua   ha riscontro nella fontana dedicata a Nettuno e realizzata da Giovanni Angelo Montorsoli, chiamato in Messina verso l’anno 1547.
Originariamente Nettuno era rivolto verso la città, mostrando quindi il di dietro al mare e a Reggio. Dopo il terremoto del 1908 la statua è stata spostata e Nettuno venne posto in modo da rivolgersi verso il mare.

Sono chiari,  però riferimenti a Colapesce, sia per la morte prematura sia per l'attività natatoria nello Stretto.

 

Tratto da Fiabe, leggende, racconti popolari siciliani
Pitrè

Sommario Affinità con Colapesce

www.colapisci.it